Mestiereimpresa.it

Miniascensori: la soluzione ideale per una casa a prova di anziano e disabile

Miniascensore per esterno
Miniascensore per esterno

 

Le parole chiave dei miniascensori di nuova generazione sono rapidità di installazione, sistemi modulari e progettazione su misura e l’obiettivo finale è creare una casa a misura di anziano e disabile e abbattere le barriere architettoniche con stile e in modo funzionale.

 

Stiamo pensando, ad esempio, a prodotti come i miniscensori domestici, perfetti anche per sfruttare ambienti quali il sottotetto e renderli agibili a tutti: anziani, bambini e disabili, oppure per muoversi tra i vari piani della casa senza dover fare scale. Non solo: un miniascensore è perfetto per evitare soluzioni più impegnative come il trasloco in età avanzata o se sopraggiunge una situazione di disabilità.

 

In questo articolo vedremo come i miniascensori siano perfetti per abbattere le barriere architettoniche con una soluzione nel segno del risparmio energetico, della versatilità stilistica e della modularità, sia nella variante per interno, sia nella variante per l’esterno.

 

In questo ultimo caso, ricordiamo che ogni edificio può essere dotato di un miniascensore per disabili e anziani, sia in fase di nuova costruzione sia in fase di ristrutturazione. Il modello di miniascensore più piccolo, ad esempio, si caratterizza per dimensioni minime della cabina, ovvero 65-66 centimetri di lato e questo rappresenta un ulteriore vantaggio quando lo spazio disponibile è ridotto.

 

Inoltre, non vanno dimenticate le agevolazioni fiscali per chi vuole inserire un miniascensore nella ristrutturazione dell’immobile, ovvero le detrazioni del 50% in dieci anni e l’IVA agevolata al 4%, se il miniascensore viene installato per abbattere le barriere architettoniche.

 

Infine, il miniascensore moderno è silenzioso e può essere allestito con soluzioni su misura, dai comandi touch fino all’alimentazione indipendente, che ne permette il funzionamento anche in caso di black out.

 

Installare il miniascensore in fase di ristrutturazione

 

Nella maggior parte dei casi di ristrutturazione di un immobile già datato si riscontrano due situazioni:

 

  • assenza di ascensore per accedere ai piani superiori;
  • ascensore concepito senza attenzione per l’eliminazione delle barriere architettoniche.

 

Installare un miniascensore interno od esterno significa rendere accessibile l’immobile all’anziano o al disabile e fare un investimento conveniente per abbattere le barriere architettoniche anche in un’abitazione destinata ai giovani o ad anziani senza problemi di mobilità.

 

Non solo: il nostro consiglio è installare un miniascensore in tutti gli immobili, dato che si tratta di soluzioni ideali anche per chi è in gravidanza o vive una situazione di disabilità temporanea causata, ad esempio, da traumi sportivi o incidenti. Infine, immaginate di dover ricevere o ospitare a casa vostra un parente o conoscente che non può fare le scale: grazie al miniascensore avrete la risposta a tutte le vostre esigenze.

 

Dovete ristrutturare la vostra casa? Questo è il momento ideale per integrare il vostro progetto e prevedere l’inserimento di un miniascensore in modo da poter contare su importanti economie di scala.

 

Senza dimenticare che, come abbiamo detto sopra, per i miniascensori sono previste agevolazioni fiscali nell’ambito dell’abbattimento delle barriere architettoniche, ovvero la possibilità di recuperare il 50% della spesa e fruire dell’IVA agevolata al 4%.

 

Non dimentichiamoci che chiunque può ottenere tali benefici, indipendentemente dalla presenza o meno di una persona con disabilità in casa.

 

Per maggiori informazioni sulle detrazioni per gli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche rimandiamo alla legge n.13 del 1989, che permette la richiesta di specifici contributi per l’acquisto dei miniascensori a favore della persona disabile con invalidità riconosciuta del 100% o del familiare che se ne prende cura e lo ha in carico.

 

I vantaggi del miniascensore: valorizzare l’edificio e migliorare la qualità della vita

 

Installare un miniascensore non solo migliora la qualità della vita di chi abita la casa, indipendentemente dal fatto che la situazione di disabilità e di impossibilità a fare le scale sia temporanea o permanente. Pochi riflettono sul fatto che un miniascensore permette anche di aumentare il valore dell’immobile in cui viene integrato, permettendo in caso di vendita dell’appartamento o dell’abitazione di ottenere valutazioni migliori, che variano a seconda della città e del quartiere.

 

Al valore economico si aggiunge un valore intangibile espresso in termini di miglioramento della qualità della vita, dato che un miniascensore interno od esterno migliora notevolmente l’autonomia e la fruizione indipendente degli spazi dell’immobile.

 

Come scegliere il miniascensore più adatto

 

Tra le varie proposte di miniascensore le più richieste sul mercato sono le soluzioni con cabina, che assicurano grande versatilità e comodità, ma non mancano i miniascensori elettrici o con azionamento a pistone idraulico, a vite e con vuoto pneumatico.

 

Il nostro consiglio è concordare con il fornitore il sistema più adatto all’abitazione e alle esigenze, dato che sono veramente tante le variabili da considerare compreso, oltre al luogo di installazione e alla frequenza d’uso, anche il clima della città in cui deve essere installato il miniascensore.

Un altro parametro di valutazione dei miniascensori sono i metri di corsa, ovvero i metri di percorso che devono fare per portare la persona da un piano all’altro dell’edificio.

 

In generale, la normativa sui miniascensori esterni prevede la salvaguardia dei diritti delle persone anziane, disabili e dei portatori di handicap sulla base di quanto indicato dal Decreto Ministeriale n.236 del 1989, via via integrato da altri provvedimenti nel corso degli anni.

In particolare in questa legge si definiscono le dimensioni dei mini ascensori esterni ed interni, che devono poter ospitare comodamente una sedia a rotelle, ma anche permettere la massima libertà di movimento alla persona.

 

Anche le porte devono essere studiate appositamente, così come i comandi che devono essere alla giusta altezza. Infine è importante che, quando l’ascensore si ferma al piano, ci sia spazio sufficiente per la manovra.

 

I nuovi miniascensori a basso consumo energetico

 

Oltre ai miniascensori tradizionali sono oggi disponibili in commercio i miniascensori a basso consumo energetico, progettati per risparmiare energia, ma soprattutto per rispettare l’ambiente.

In particolare vogliamo segnalare i miniascensori domestici AriesEco.

 

Quali sono le principali caratteristiche di questo modello di miniascensore? Sicuramente si tratta di una offerta per l’abbattimento delle barriere architettoniche efficace ed efficiente, dato che il sistema innovativo permette di ottenere un importante risparmio energetico: questo miniascensore, infatti, impegna solo una potenza di 150W, addirittura meno di un piccolo elettrodomestico.

 

Proprio per questo è ideale nelle abitazioni private che possono continuare a usufruire dei normali contratti con il fornitore di energia da 3 kilowatt ora di potenza, ma anche negli edifici pubblici che puntano al risparmio energetico.

 

Come tutti i modelli di miniascensore anche il modello AriesEco permette di risolvere tutte le esigenze di mobilità verticale di chi si trova in una condizione di mobilità ridotta o invalidità, ma vuole muoversi in modo comodo e autonomo nella sua casa.

 

L’ultimo, ma non meno importante vantaggio di questo modello è la sua versatilità, che rende questo miniascensore adatto sia a strutture nuove sia ad edifici storici, sia ad abitazioni private sia a edifici pubblici, ma soprattutto ad ogni contesto architettonico.

 

Miniascensori: le massime prestazioni al minimo consumo

 

Nella scelta del miniascensore per interno o per esterno è importante valutare la giusta combinazione tra prestazioni e consumi e per questo è importante ricordare che anche i modelli a risparmio energetico mantengono le prestazioni ottimali.

 

Eppure, nella valutazione e nella scelta del miglior miniascensore non va considerato solo il risparmio, dato che i vantaggi offerti dai modelli più moderni sono veramente tanti, a partire da un elevato livello di personalizzazione.

 

Un tempo, ad esempio, i miniascensori per disabili o persone a ridotta mobilità erano lenti, rumorosi e ingombranti, mentre oggi si tratta di elementi architettonici rifiniti con cura, silenziosi e veloci. La persona può, ad esempio, scegliere le finiture delle porte al piano, ma anche il pavimento, le pareti e le porte interne del miniascensore, dotandolo di vetri panoramici e accessori personalizzati.

 

In conclusione: le caratteristiche che deve avere il miniascensore moderno

 

Prestazioni, risparmio energetico, personalizzazione sono solo alcune delle caratteristiche che deve possedere il miniascensore moderno. Quali altri elementi vanno tenuti in considerazione? Ecco la nostra lista per valutare il migliore impianto di miniascensore per interno o per esterno:

 

1. Risparmio energetico: un buon miniascensore come AriesEco permette di ottenere anche il 50% del risparmio energetico rispetto a un normale impianto oleodinamico.

 

2. Minimo impegno di potenza: si tratta di una condizione essenziale per non dover richiedere un aumento di potenza al gestore della fornitura elettrica che, altre al maggior consumo di energia genera dei costi fissi in bolletta duraturi nel tempo.

 

3. Minimo ingombro: un buon modello di miniascensore permette di contare su un minimo ingombro del vano, in modo da adattarsi alle caratteristiche di ogni ambiente.

 

4. Funzionamento continuo: molte persone temono di trovarsi bloccate nella cabina dell’ascensore in caso di blackout e lo stesso avviene quando si parla di miniascensori. Per questo i modelli migliori sono dotati di batterie che permettono di completare la corsa anche in caso di mancanza della corrente elettrica.

 

5. Silenzio e massimo comfort: un buon miniascensore deve essere pratico, sicuro ma soprattutto piacevole da usare e pertanto non si tratta solo di abbattere le barriere architettoniche, ma anche di assicurare il massimo comfort alla persona che lo utilizza. I miniascensori moderni assicurano un funzionamento silenzioso e arrivi e partenze soft, senza i tradizionali scossoni dei modelli più datati.

 

6. Sicurezza totale: i moderni miniascensori sono dotati di tutti i dispositivi previsti dalle normative vigenti in materia per garantire la massima sicurezza.

 

In conclusione nella scelta del miniascensore da installare nella nuova casa o in fase di ristrutturazione bisogna considerare innanzitutto queste sei caratteristiche fondamentali, a cui vanno aggiunte la sostenibilità e l’efficienza energetica. Solo a questo punto si potranno confrontare i costi, ricordandosi che il miniascensore più conveniente non è necessariamente quello che costa di meno.

 


 

- Se questa mini guida sui miniascensori ti è piaciuta, condividila pure con i tuoi amici.

Grazie! smiley

 

Condividi post

Commenta il post