Mestiereimpresa.it

5 consigli per risparmiare nella cura della casa

 

Ecco cinque consigli per risparmiare nella cura della casa; e se anche li conoscete già, sarei proprio curiosa di sapere quanti di voi li seguono tutti davvero…


Comunque, tra bollette in crescita e clima sconvolto, credo che sia nell’interesse di tutti fare mente locale sui consumi e sul modo di abitare le nostre case.

 

1. Primo: utilizzate le prese a ciabatta con interruttore e spegnere sempre tutto, anche ogni plafoniera led che avete. Lo sapevate che un televisore consuma in media solo il 60% di energia elettrica in ore di effettiva accensione e tutto il resto se ne va in consumi in stand-by? Idem per computer, stereo e caricabatterie, che, a seconda dei modelli, continuano comunque a consumare anche se il cellulare non è attaccato.

 

2. Spegnete le luci che non servono e utilizzate lampadine a basso consumo: costano di più ma durano in teoria 10 volte in più rispetto a quelle normali, oltre ad alleggerire la bolletta. Tra led e lampade a basso consumo ormai l’offerta è talmente ampia che non avete più scuse “estetiche”!

 

Fate le lavatrici nei weekend o alla sera, visto che a seconda della tabella oraria cambiano i costi dell’energia.

Potete inoltre ridurre il numero di lavatrici utilizzando i foglietti “magici” dell’Acchiappacolore Grey, che vi permettono di mettere insieme colori scuri e chiari senza spiacevoli conseguenze di passaggio di tinta (con una diminuzione di circa il 25% dei carichi di lavaggio).

 

Vedi su Amazon

 

Aggiungo un dilemma amletico: l’asciugabiancheria, ne avete davvero bisogno? È vero che è molto comodo, ma è anche un vero salasso energetico. Sarà che ho abbastanza tempo libero, ma rimango dell’idea che con una buona organizzazione dei cicli di lavaggio se ne possa fare tranquillamente a meno!

 

4. I coperchi sono fatti per essere usati: l’acqua bolle prima se la pentola è chiusa! Fate questo sforzo e la bolletta del gas ringrazierà!

 

5. Riciclate: dividete i rifiuti, una buona volta! Una mia cara amica di Rovereto mi ha raccontato che nel suo Comune chi non fa la raccolta differenziata viene multato. La civiltà in fondo è anche questo!

 

La plastica è ovviamente il problema maggiore (e gli imballaggi in generale) anche se negli ultimi anni tra detersivi alla spina, bottiglie di vetro e prodotti sfusi volendo si può ridurre di molto (e qui sì che la pigrizia gioca a nostro favore, perché meno rifiuti significano anche meno giri su e giù per le scale per portare l’immondizia!).

 

Delle borse di tela per la spesa parleremo un’altra volta perché per me sono veri e propri oggetti da collezione, intanto fatevi un appunto mentale, meglio averne sempre una riposta nella borsa o nello zaino!

 

E adesso liberi di darmi della vecchia brontolona: ma così facendo, ho osservato il cambiamento dei miei consumi in un anno, ho risparmiato tempo… e molti soldi.

 

E guardo i miei nipoti con la consapevolezza che, nel mio piccolo, gli sto facendo un favore! Con il vecchio adagio: abbassa, spegni, ricicla, cammina…

 


 

- Se questa mini guida con consigli per risparmiare in casa ti è piaciuta, condividila pure con i tuoi amici.

Grazie! smiley

 

Condividi post

Commenta il post