Mestiereimpresa.it

Le principali strutture di carpenteria metallica pesante

 

Quando si parla di carpenteria metallica si fa riferimento alla costruzione di strutture edili in metallo, e in particolare in acciaio. Le scale, i ponti, le tettoie e le pensiline sono solo alcuni dei tanti esempi di strutture con cui abbiamo a che fare nella vita di tutti i giorni e che sono il risultato delle attività di carpenteria metallica. Ma lo stesso si può dire anche per le opere di architettura moderna più grandi. La carpenteria metallica permette di superare i limiti del legno, del calcestruzzo e della pietra; essa viene distinta in carpenteria metallica pesante e carpenteria metallica leggera.

 

Che cosa cambia tra la carpenteria metallica pesante e quella leggera

 

La carpenteria metallica leggera include le lavorazioni in ambito industriale e civile come i parapetti, i cancelli, le porte, i soppalchi, gli scaffali cantilever, e così via. Della carpenteria pesante fanno parte, invece, le lavorazioni che vengono effettuate su strutture che sono deputate a svolgere un’azione portante dei fabbricati e dei capannoni industriali, tra le quali ci sono i pilastri in ferro, le scale in acciaio interne, le scale in acciaio esterne e le coperture. Pertanto, la differenza fra la carpenteria pesante e quella leggera sta nel tipo di lavorazione, ma anche nello spessore delle lamiere che vengono impiegate per la creazione delle strutture. Infatti, le strutture in acciaio si caratterizzano per capacità di portata differenti, sempre nel rispetto di specifici requisiti di stabilità e sicurezza.

 

Il quadro normativo di riferimento

 

La marcatura CE per le strutture in alluminio o in acciaio nel settore industriale e civile è consentita dal controllo della produzione FPC che è stato introdotto dalla norma UNI EN 1090-1. Tale norma indica, tra l’altro, i requisiti che devono essere rispettati per la valutazione di conformità delle peculiarità dei vari componenti.

 

Le lavorazioni richieste

 

Un’azienda come O&T Costruzioni Metalliche che si occupa di carpenteria pesante è specializzata nell’esecuzione di particolari lavorazioni che necessitano di macchinari appropriati: per esempio, la saldatura e la calandratura. Oggi questi procedimenti vengono eseguiti anche con l’aiuto di software tecnologicamente avanzati. Il ricorso alle strutture in acciaio nell’ambito della carpenteria metallica permette di garantire una notevole resistenza alle precipitazioni e in generale ai fenomeni atmosferici. Infatti le costruzioni metalliche sono in grado di assicurare una resistenza ottimale al sole e alla pioggia; esse presuppongono una manutenzione periodica davvero minima, che richiede spese limitate.

 

L’ossitaglio

 

Nel novero delle lavorazioni che vengono effettuate nel campo della carpenteria metallica c’è l’ossitaglio: si tratta di un procedimento finalizzato al taglio delle lamiere che si basa sull’uso della fiamma ossiacetilenica allo scopo di rendere la lamiera rovente, mentre la pressione di un getto di ossigeno puro elimina le scorie che si formano con il taglio stesso. Oggi l’ossitaglio viene effettuato per mezzo di macchine che sono dirette da sistemi moderni con software CAD/CAM: tecnologie innovative che permettono non solo di beneficiare della massima precisione di taglio, ma anche di riprodurre prototipi 3D o modelli. Una soluzione alternativa rispetto all’ossitaglio è rappresentata dal taglio al plasma: mentre il primo genera spigoli vivi, il secondo arrotonda gli spigoli superiori con un taglio divergente.

 

La piegatura delle lamiere

 

Anche la piegatura delle lamiere è un processo importante nel contesto della carpenteria metallica: si tratta di esercitare un’azione di flessione che ha lo scopo di favorire una deformazione permanente in modo che la forma della lamiera possa essere modificata. Il tutto si verifica grazie a un punzone che esercita una particolare pressione sulla lamiera appoggiata all’interno della matrice. Dopo che i particolari di lamiera sono stati tagliati al plasma o con l’ossitaglio, essi vengono puliti dalle scorie e dalle bave di taglio in virtù di lavorazioni specifiche come la lapidellatura, la sabbiatura e la burattatura, e a questo punto sono pronti per essere piegati. Con la piegatura, è possibile ottenere un ampio assortimento di forme, come per esempio le lamiere scatolate e quelle piegate ad angolo retto.

 

I vantaggi offerti da acciaio e metallo

 

Tanto le strutture in metallo quanto quelle in acciaio hanno un peso ridotto se confrontato con quello degli edifici in muratura classici, ed è anche per questo motivo che consentono di eseguire realizzazioni strutturali più alte e ampie. L’acciaio, poi, è sinonimo di notevole longevità nel corso del tempo, e di certo dura di più rispetto al calcestruzzo o al legno. La carpenteria metallica è antisismica, ed è questa la ragione per la quale le strutture in metallo sono ideali per la costruzione di edifici e case a uso industriale e civile, grazie alla loro stabilità e alla loro solidità. Le tempistiche di costruzione sono rapide, e in più l’uso delle strutture in acciaio conferisce agli edifici un'elasticità ottimale.

Condividi post

Commenta il post