Mestiereimpresa.it

Valutazione immobile: il costo e come ottenerla online

Se hai bisogno di fare una valutazione di un immobile di tua proprietà e non sai come muoverti, nella guida trovi tutte le informazioni necessarie su procedure e prezzi.

 

Valutazione immobile: cosa è?

 

La valutazione dell’immobile è l’esame tecnico che viene eseguito su una costruzione o su di un terreno per esprimere un parere che riesca a determinare il valore di mercato del bene, supportato da ragionamenti coerenti.

Si deve fare infatti una distinzione tra il valore venale e quello affettivo, che comunque hanno uno scarso significato nel contesto di compravendita.

Diversi sono anche il valore di trasformazione, che interessa solamente per eventuali possibilità di trasformazione appunto del fabbricato, il valore complementare, cioè come complemento ad un altro immobile, il valore di costo, che invece tiene conto appunto solo dei costi.

La valutazione dell’immobile può riguardare scopi differenti, per una causa, una divisione ereditaria, un affare privato, un esproprio, una garanzia e molto altro. In ogni caso comunque il professionista che se ne occupa deve operare nel modo più oggettivo possibile.

 

Valutazione immobile: quando serve?

 

La valutazione di un immobile consente di determinare il prezzo esatto dello stesso, perché offrirlo ad una cifra differente da quello che è il suo valore reale potrebbe portare dei danni anche molto rilevanti a carico del proprietario.

Se l’immobile dovesse essere offerto ad una cifra troppo bassa, sicuramente non si farebbe fatica a trovare degli acquirenti o degli interessati all’affitto, ma si rinuncerebbe senza alcun motivo ad una somma di denaro più alta che invece spetterebbe al proprietario.

Qualora invece il prezzo dovesse essere troppo alto rispetto al reale valore, allora lo stesso molto probabilmente rimarrà invenduto o sfitto per molto tempo.

Nel caso in cui quindi si decida di vendere oppure di affittare, la valutazione immobiliare è il primo passo da fare. Il procedimento deve essere necessariamente affidato ad un professionista specializzato.

Chiunque non operi nel settore non potrebbe mai avere le competenze necessarie per determinare con estrema precisione il valore di mercato dell’immobile.

Ogni soggetto potrebbe essere in grado di fare una stima di massima sul valore del proprio bene, magari facendo dei paragoni con immobili che sono offerti nella stessa città e con le stesse caratteristiche. È ovvio che in questo caso la valutazione dell’immobile non sarebbe sicuramente accurata come se fatta da chi di dovere.

Valutazione immobile: come si fa?

 

La valutazione dell’immobile viene eseguita da un professionista esperto che analizza tutti i dati relativi al bene di interesse.

Tra questi ad esempio vengono presi in considerazione la metratura, la presenza di balconi e terrazze oppure di giardini, il numero dei locali, il comune di appartenenza, il piano nel caso si trovi in un condominio e anche molto altro.

La valutazione immobiliare può essere fatta anche tenendo in considerazione le risorse che si trovano nel web, esistono infatti differenti siti e portali che aiutano a realizzare delle stime di valore di immobili di ogni genere. Come abbiamo già detto, senza un professionista si ottiene però un valore indicativo del proprio immobile.

Può essere comunque molto utile effettuare una stima, ma se è necessario ottenere un dato preciso perché si vuole vendere o affittare l’immobile, allora la valutazione immobiliare deve essere di tipo professionale. Quest’ultima mostra un livello di precisione molto più elevato.

 

Valutazione immobile: quali i prezzi?

 

Chiaramente, oltre a sapere cosa significa fare una valutazione dell’immobile e chi se ne occupa, quello che ci si chiede è anche quanto costa. In genere ci si rivolge ad un’agenzia immobiliare per la valutazione e la stessa non chiede un onorario per il servizio, che viene poi fatto rientrare infatti nell’intero servizio di vendita.

Quando l’agenzia porta a termine la trattativa tra venditore e compratore chiede una commissione che è compresa solitamente tra il 2% e il 3% del prezzo finale concordato.

Quest’ultimo cambia a seconda dell’area di riferimento e degli accordi presi precedentemente.

Se invece non vi è di mezzo alcuna agenzia immobiliare, allora si chiede che la valutazione dell’immobile venga fatta dal personale di un ufficio tecnico.

Questo effettua quindi la perizia di stima dell’immobile, spesso nel caso in cui si intenda vendere o affittare senza intermediari. Il perito solitamente richiede un onorario che viene calcolato in percentuale al valore dell’immobile.

 

Valutazione immobile: a chi rivolgersi?

 

Quando si intende vendere o comprare un immobile è necessario capire se il prezzo è coerente rispetto al valore di mercato, per questo è necessario fare la valutazione dell’immobile.

 

 

Deve essere quindi effettuata la perizia di stima da parte di un valutatore immobiliare o perito. Lo stesso deve appunto valutare l’immobile, garantendo e favorendo quindi la trasparenza e la correttezza del processo. I requisiti di professionalità che deve possedere questo soggetto sono i seguenti:

 

  • avere competenza tecniche e comprovata esperienza nello svolgimento dell’incarico,
  • essere competente professionalmente e in possesso del livello di istruzione minimo richiesto per poter eseguire questo tipo di valutazioni,
  • avere le adeguate conoscenze sull’oggetto, le finalità della valutazione e il mercato di riferimento,
  • conoscere leggi, regolamenti e norme di valutazione immobiliare.

 

Oltretutto ogni perito deve rispondere anche al requisito di indipendenza e quindi non deve:

 

  • avere interessi nell’immobile,
  • essere coinvolto nell’elaborazione, nella decisione di erogazione e nel processo di sottoscrizione del credito,
  • essere condizionato o influenzato dal merito di credito del debitore,
  • essere collegato al venditore o all’acquirente dell’immobile,
  • trovarsi in una situazione di conflitto di interesse,
  • percepire commissioni connesse al risultato della valutazione.

 

Inoltre il perito deve fornire una relazione di valutazione imparziale, trasparente, obiettiva e chiara.

 

Valutazione immobile: come risparmiare?

 

Dopo aver delucidato quindi tutti i passaggi necessari per fare la valutazione dell’immobile che ci interessa, è fondamentale essere a conoscenza di un modo per spendere meno.

In questo caso l’unica alternativa possibile che consente di risparmiare è quella di ricercare differenti professionisti della zona in cui vivi tramite siti web come  Edilnet.it, al massimo quattro, chiedere loro dei preventivi e confrontarli.

Solo in questo modo è possibile scegliere quello con il migliore rapporto tra la qualità e il prezzo.

 

 

 

Per richiedere una valutazione immobiliare a più professionisti della tua zona, richiedi un preventivo gratuito (e senza impegno) su www.edilnet.it

Se l'articolo ti è stato utile -

Condividilo pure. Grazie!

Condividi post

Commenta il post

Baldo Geometra Cristian 10/22/2019 13:50

Nel momento in cui si decide di vendere il proprio immobile è molto importante fare una corretta valutazione immobiliare. Come scoprire qual'è il .....
VALORE REALE DI MERCATO

Molto spesso, per determinare il valore, si fa affidamento alle opinioni di agenti immobiliari, il cui unico scopo è quello di poter ottenere il mandato per la vendita e quindi, il prezzo dell'immobile viene pilotato sulle richieste del cliente, basandosi su prezzi medi di zona e sul "rincaro" che l'agenzia impone per poter ottenere la propria commissione.

Cosa si rischia con una cattiva valutazione immobiliare?
VALUTAZIONE TROPPO ELEVATA
L'effetto immediato di una valutazione immobiliare troppo elevata è quello di lasciare l'immobile vuoto e senza potenziali acquirenti per troppo tempo. Di solito in questi casi, si effettuano innumerevoli visite con potenziali clienti interessati, ma nessuno alla fine vuole concludere l’affare.
VALUTAZIONE TROPPO BASSA
La conseguenza di una valutazione troppo bassa, effetto causato da una cattiva ed elevata valutazione dell'immobile, porta molto spesso il cliente che magari ha fretta di concludere la transazione a svendere il proprio bene creando un effetto domino sugli altri immobili della zona che andranno a risentire della svalutazione.
Come fare, allora, per conoscere il valore di un immobile?

Innanzitutto è fondamentale effettuare una dettagliata ricerca catastale ed urbanistica al fine di verificare che l'immobile in questione sia conforme agli atti depositati presso i Pubblici Uffici (la regolarità dell'immobile è indispensabile per procedere ad una compravendita di un bene e la verifica da parte di un tecnico professionista che ne asseveri la rispondenza è al giorno d'oggi D'OBBLIGO).
La stima immobiliare tiene conto di tutta una serie di caratteristiche del bene sia intrinseche che estrinseche, la comparazione a compravendite effettuate per immobili analoghi nella zona del bene aiuta a determinare il più probabile valore di mercato.

In definitiva la stima determina nel dettaglio i valori delle componenti del bene e ne valuta all'attualità il proprio valore.

Chi può conoscere così bene tutte queste varianti?
Chi conosce le richieste della clientela nel dettaglio?
Chi ha il polso del mercato, dell’andamento e delle previsioni?

Bisogna affidarsi ad un professionista del settore, a qualcuno che “mastica” queste cose tutti giorni… magari da anni e meglio se con conoscenza specifica del territorio.

Consigliamo di non affidarsi al primo agente immobiliare che capita, magari è meglio sentirne più di uno, poi si fanno le dovute considerazioni. Affidarsi a professionisti che operano nel mercato da anni, che conoscono le zone e sono trasparenti deve essere il punto di partenza per una corretta valutazione immobiliare del proprio immobile.

Aristide 03/21/2019 15:47

Ottima guida , stavo proprio cercando un professionista per valutare il mio immobile.
Grazie