Mestiereimpresa.it

Pareti in PVC: quali i prezzi?

Le pareti in PVC, ovvero i rivestimenti per pareti in polivinilcloruro, rappresentano un’alternativa ai classici ceramica, pietra, marmo non molto diffusi ma in grado di apportare numerosi vantaggi in termini estetici e funzionali. Ne parliamo in questo articolo, focalizzando la questione sul capitolo prezzi. Ecco tutto quello che c’è da sapere sulle pareti in PVC: vantaggi, tipologie, esigenze manutentive, prezzi e tecniche per risparmiare.

 

 

Perché realizzare delle pareti in PVC?

 

Con il termine “PVC”, acronimo di polivinilcloruro, si indica un materiale molto diffuso in ambito edilizio, utilizzano in particolare per la realizzazione degli infissi. Di recente, però, si accreditato anche come materiale di rivestimento, in particolare delle parti. In questo caso, appunto, si parla di pareti in PVC.

Rivestire le pareti in PVC è una soluzione sui generis, che però presenta numerosi vantaggi.

Estetica. Le pareti in PVC generano un impatto estetico molto particolare, diverso da quello generato dai classici rivestimenti. In virtù di un certo progresso della tecnica, sono considerati in alcuni casi delle vere e proprie soluzioni di design.

Impermeabilità. Il PVC è noto anche per la sua capacità di resistenza all’acqua. Ciò lo rende un ottimo materiale per rivestire le pareti del bagno e della cucina.

Pulizia. I rivestimenti in PVC non hanno fughe, dunque risultano più facili da pulire rispetto ai rivestimenti classici. Inoltre sono dotati naturalmente di una funzione antibatterica.

Facilità di posa. Installare un rivestimento in PVC è un impegno generalmente meno gravoso che installare rivestimenti in pietra o in ceramica. Ciò genera conseguenze positive anche sul fronte dei costi.

 

Pareti in PVC: le tipologie

 

In realtà, l’espressione “pareti in PVC” è piuttosto generica. Esistono infatti molte tipologie di rivestimenti per parti in polivinilcloruro. Ecco quelli più diffusi.

Carta da parati. Sono in commercio ormai da molti anni le carti da parati in PVC. La posa è simile, se non identica a quella della carta da parati tradizionali. Questa soluzione, tuttavia, garantisce una migliore resa in quanto a impermeabilità e isolamento. Le carte da parati in PVC sono formate da due strati. Quello interno è in cellulosa, quello esterno - stampabile - è in polivinilcloruro propriamente detto.

PVC murale. E’ un rivestimento nel vero senso della parola, in quanto formato da pannelli in polivinilcloruro. E’ generalmente monocromatico, dunque viene utilizzato in specifici contesti (ospedali ma anche scuole e asili nido). Di recente si è accreditato anche come soluzione di design, soprattutto in riferimento allo stile shabby chic.

Telato plastico. Sta a metà strada tra la carta da parati e il murale. Si caratterizza per una straordinaria facilità di posa e per una spiccata solidità. Buono anche il grado di personalizzazione estetico.

LTV. Detto anche “pvc di arredo”, è una tipologia di rivestimento nata per il pavimento ma ultimamente impiegata anche sulle pareti. Per spessore e proprietà meccaniche, non è seconda ai rivestimenti in ceramica o in pietra. E’ molto apprezzata in quanto replica, dal punto di vista estetico, tutti i materiali, pur garantendo una minore spesa in termini di posa.

 

Pareti in PVC: a chi rivolgersi

 

La materia prima, ovvero la carta da parati, i telati, i pannelli per il murale o l’LTV, può essere acquistata nei punti vendita specializzati, nei centri commerciali dedicati alla casa o al fai da te, o addirittura su internet.

Per quanto riguarda la posa, va fatta una precisazione: il fai da te è sconsigliato. Se si esclude la carta da parati, la cui applicazione presenta comunque alcune criticità, l’installazione di rivestimenti per pareti in PVC è davvero complicata. Dunque, rivolgetevi a una impresa edile. Se possibile, a una impresa specializzata in questo tipo di servizio. I costi sono molto variabili, per quanto generalmente bassi, dunque se intendete risparmiate fate riferimento ai portali di confronto preventivi. Il migliore in circolazione è Edilnet.it.

Grazie a Edilnet.it potrete ricevere preventivi dalle migliori imprese che si occupano di pareti in PVC richiedendo un preventivo gratuito online.


 

 

Pareti in PVC: a cosa fare attenzione

 

Scegliere il rivestimento in PVC per le pareti non è semplice come si pensa. A complicare la scelta, le numerose tipologie e le implicazioni in termini di resa. In linea di massima, dovreste porre l’attenzione su questi aspetti.

Tipologia. Ogni tipologia corrisponde a una precisa esigenza. Se la vostra priorità è l’estetica, e dunque cercate un impatto particolare ma non avete grosse necessità dal punto di vista funzionale, dirigetevi sulla carta da parati. Se invece avete a cuore l’elemento funzionale, prendete in considerazione il telato o l’LTV. Infine, se avete esigenze precise per ciò che concerne l’estetica, soprattutto in una prospettiva monocromatica, optate per il murale.

Budget. I prezzi, per quanto mediamente bassi, sono molto variabili. Per esempio, la carta da parati costa meno del telato, il telato costa meno del murale e dell’LTV. Quest’ultimo, in realtà, se rappresenta una soluzione di design, può costare anche molto.

 

Pareti in PVC: quanto costano

 

Quanto costano i rivestimenti per pareti in PVC? Le dinamiche da prendere in considerazione sono la tipologia e il livello di raffinatezza estetica.

  • Carta da parati in PVC: da 3,00 €a 60,00 € al mq

  • Telato in PVC: da 5,00 € a 70,00 € al mq

  • PVC murale: da 5,00 € a 70,00 € al mq

  • PVC d’arredo (LVT): da 10,00 € a 80,00 €

Pareti in PVC: come risparmiare

Se volete risparmiare, ma allo stesso tempo adottare una soluzione in linea con le vostre esigenze, non vi rimane che sfruttare l’arma del preventivo. Dunque, contattate più imprese e visionate più cataloghi, chiedete sempre il preventivo, confrontate i prezzi, individuate una soluzione che vi possa soddisfare in termini di rapporto qualità prezzo.

E’ un metodo semplice, ma che può determinare anche un risparmio del 20-50%. A patto, però, di seguirlo con dedizione. Per esempio, dovete avere tra le mani almeno tre o quattro preventivi.

Condividi post

Commenta il post

CLAUDIO BALINI 09/26/2020 13:00

Buongiorno
sono il gestore di uno stabilimento balneare e sarei interessato a rivestimenti in pvc per rinnovo cabine
grazie