Mestiereimpresa.it

I segreti per una corretta illuminazione di un negozio

 

 

Quando passiamo davanti a un negozio veniamo colpiti da una serie di stimoli che ci spronano ad entrare e comprare o, viceversa, ci fanno allontanare.

Uno di questi fattori è la luce, la luce giusta può fare la differenze per un cliente, e quindi per gli affari del negozio.

La luce e il sistema di illuminazione durante la vendita è ritenuto un fattore di estrema importanza non solo per motivi estetici e funzionali ma anche come vero e proprio strumento di marketing, esaltando al massimo le sue potenzialità comunicative.

 

Infatti studi confermano che la giusta illuminazione è capace di sedurre il cliente ad entrare, spronarlo nell’acquisto e, allo stesso tempo, creerà un ambiente di lavoro migliore per il personale che interagirà in modo piacevole con la clientela.

 

In questo senso, l’utilizzo dei led, grazie alle esigue dimensioni dei sistemi e all’assenza di manutenzione, consente di ottenere soluzioni particolarmente scenografiche ed accattivanti, di grande impatto ed effetto, incrementando ulteriormente le potenzialità del mezzo, già di per sé elevate.

Il passaggio alla nuova tecnologia led può migliorare sensibilmente le performance del punto vendita riducendo al minimo i consumi di energia elettrica, i prezzi sono sempre più competitivi e la scelta è davvero variegata.

 

Cosa e come illuminare

 

All’interno di un negozio si possono distinguere diversi ambienti. In ognuno la luce va dosata e applicata in maniera differente, per trasformare ogni spazio in un’opportunità.

 

Ingresso

Il biglietto da visita del tuo negozio. Rappresenta il vero punto di forza di un progetto di illuminazione insieme a quella esterna della vetrina, perché è tra le prime cose che il cliente vede e la principale che colpisce la percezione di una persona e trasforma in un potenziale cliente.

Un livello di illuminamento scarso in prossimità dell’entrata condizionerà tutto fin dall’inizio.

 

Vetrine

Le vetrine possono attirare il cliente anche a distanza, è bene quindi gestire l’illuminazione in modo che anche da qualche metro si possa capire se il negozio sia aperto o chiuso e di che prodotti tratta.

L’illuminazione della vetrina e il modo in cui è allestita sarà la prima forma di comunicazione del tuo brand, deve quindi contenere le caratteristiche chiave della tua attività.

 

Molti fanno la scelta più facile installando un’illuminazione in alto, ma in questo modo i prodotti che stanno sopra vengono illuminati facendo ombra a quelli che stanno sotto. Una soluzione per questo problema potrebbero essere le strisce a led che sono più flessibili e possono essere posizionate in ogni punto.

 

A seconda del tipo di vetrina ci sarà un tipo di illuminazione ottimale, ad esempio nel caso di vetrine aperte con piano espositivo si potrebbe utilizzare esclusivamente luce diffusa purché di intensità superiore alla luce naturale esterna.

Per vetrine con sfondo completamente buio al contrario sarà necessario utilizzare almeno due sistemi di illuminazione distinti, uno per l’interno ed uno per la vetrina, in modo da fornire un’illuminazione molto elevata nello spazio adiacente al vetro ed evitare l’effetto specchio di giorno quando la luce naturale è intensa.

 

 

Espositore centrale

 

La zona in cui il marchio viene messo in risalto. Deve avere un'illuminazione calibrata con il resto dello spazio, deve consentire alle persone di orientarsi al meglio e di vedere i prodotti in modo ottimale senza alterare la vista dei colori.

Ogni prodotto ha delle esigenze. Illuminare l’interno di un negozio significa scegliere un’illuminazione che si adegui alle caratteristiche del materiale, della tipologia e della posizione in cui è stato predisposto il prodotto.

Un esempio di come abbinare il prodotto con le luci giuste e porlo al centro dell’attenzione dei clienti lo potete trovare sul sito petruccimarco.it, da cui è estrapolata l’immagine qui sotto della boutique di Jil Sander.

 

Fonte: https://www.petruccimarco.it/wp-content/uploads/2017/03/2011-Italy-Milan-Jil-Sander-Showroom.jpg

 

Camerini

 

Per i negozi di abbigliamento è molto importante calibrare la giusta illuminazione dei camerini, per non alterare il riflesso allo specchio della persona che sta provando i prodotti. L’impiego della luce giusta, con zone d’ombra ridotte al minimo, farà in modo che il cliente veda se stesso “sotto una luce migliore”. E’ importante scegliere la temperatura di colore adeguata e una sorgente con resa cromatica elevata.

 

 

Linee guida: 7 punti da rispettare se vuoi illuminare il tuo negozio

 

Abbiamo capito quindi che una corretta illuminazione può influenzare le sorti dell’attività e che a seconda della filosofia del brand, del prodotto e del posto da illuminare ci saranno degli accorgimenti da prendere. Nello specifico dunque sarà importante rispettare alcune linee guida fondamentali:

 

  1. utilizzare le nuove tecnologie led: led bianchi per avere una luce più intensa e quindi per mettere in rilievo gli oggetti da visualizzare, led colorati RGB per scopo decorativo, faretti e strisce led per le vetrine;
  2. durante le festività o i periodi di offerta usare delle illuminazioni a tema;
  3. luce non accecante: non bisogna pensare che usando delle illuminazioni forti significhi usare voltaggi altissimi, bisogna saper calibrare i punti luce senza esagerare, anche nei camerini è importante saper impostare una luce che non faccia sentire ingannato il cliente. Si deve evidenziare, ma non alterare;
  4. scelta delle luci coerente non solo con il brand ma anche con il target: in genere si consigliano tonalità calde, che trasmettano accoglienza e tranquillità, ma i negozi dedicati a un target giovanissimo, invece, sembrano prediligere luci dalle caratteristiche fredde o molto fredde;
  5. rispettare lo stile dell’arredamento: ovviamente non si può mettere un'illuminazione che vada poi a stonare con lo stile del negozio anche se da una giusta resa di luce. Ad esempio nelle vetrine o banconi di vetro interni di una gioielleria sarebbe meglio montare strisce led, perfette perchè nessun cavo sarà visibile, sono leggere, hanno un design essenziale e possono essere montate sia in orizzontale che in verticale;
  6. equilibrio: non bisogna affidarsi a un’unica fonte di luce ma sfruttare i vari angoli e usare varie angolazioni per creare un'atmosfera uniforme;
  7. pulizia: ovviamente sostituire e pulire gli apparecchi di illuminazione è importante per mantenere il negozio attraente.

 

 


 

- Se questa mini guida con i segreti per una corretta illuminazione di un negozio  ti è piaciuta, condividila pure con i tuoi amici.

Grazie! smiley

 

Condividi post

Commenta il post