Mestiereimpresa.it

Colori delle pareti, come sceglierli per ogni ambiente della casa

 

La scelta del colore delle pareti degli ambienti interni è fondamentale per definire il tono di ogni stanza, ma deve necessariamente accordarsi anche con altri elementi come la pavimentazione, l’illuminazione e l’arredamento.

 

 

Il carattere del locale viene definito in gran parte dalla tonalità delle pareti: tra le più in voga ci sono i toni freddi per la sala e colori più caldi ed accoglienti per la cucina e le camere da letto, ma è possibile spaziare abbondantemente in accordo con le scelte stilistiche che si vogliono adottare.

Per rinnovare l’abitazione con una rinfrescata al colore degli interni bisogna conoscere alcune semplici regole che aiutano a non sbagliare e ad impostare la scelta armonizzandola con i complementi d’arredo e le caratteristiche già presenti nella stanza.

Abbandonata definitivamente la scelta retrò di un’unica nuance chiara per tutta la casa – opzione sicuramente pratica ma poco di carattere – oggi le nuove tendenze indicano tonalità vivaci e di personalità in contrasto con colori neutri, per un sicuro effetto moderno, ma senza stancare o incupire gli ambienti.

Fondamentale anche tenere conto, nella scelta del colore delle pareti, dell’utilizzo finale cui è destinata la stanza.

La camera da letto richiede colori neutri, che favoriscano il rilassamento, l’intimità ed il sonno. Per creare un ambiente accogliente, sono indicate nuance calme e delicate come il verde chiaro, l’azzurro, il rosa tenue, il lilla, il crema ed il beige, ma per le personalità più creative è possibile scegliere una zona da tinteggiare con un colore diverso: una parete grigio perla alla quale appoggiare un mobile antico è molto chic, naturalmente se la grandezza del locale lo permette.

Il salotto ed il living sono invece il cuore della casa, il luogo dove ci si intrattiene con la famiglia e si ricevono gli ospiti.

Qui è possibile osare con tonalità più accese come le tonalità del rosso, del viola e del verde, creando contrasti con altre pareti che invece possono essere tinteggiate in colori neutri. Senza perdere di vista, naturalmente, le scelte d’arredo già presenti o da inserire nella stanza ed anche la pavimentazione.

 

 

Uno dei rischi maggiori nella scelta dei colori interni è dimenticare che le pareti devono armonizzarsi anche con il pavimento. Che sia presente marmo, ceramica o parquet, a seconda del suo colore sono richieste combinazioni diverse per la parete: per pavimentazioni chiare e neutre sarà possibile giocare con toni accesi, se invece il pavimento è scuro o di colori vivaci, le pareti dovranno essere neutre e chiare.

Un altro ambiente al centro della casa è la cucina. A seconda dello stile della cucina e della grandezza del locale sarà possibile osare un po’ di più con colori vibranti ed accesi (verde, turchese, arancio, toni della terra) preferendo però sempre le tonalità più calde che rendono l’ambiente famigliare ed accogliente.

Attenzione anche all'illuminazione: se la cucina è scarsamente illuminata tonalità come il rosso la faranno apparire più piccola, mentre se la luce è troppo intensa, i colori accesi potrebbero apparire slavati.

Le nuance più fredde, come viola, bianco, grigio e malva, sono più adatte ad altri ambienti come il bagno. Non c’è una regola generale per questo ambiente, che è il più intimo dell’abitazione: qui i gusti personali sono protagonisti, l’importante è dare carattere alla stanza senza perdere d’occhio, anche in questo caso, l’illuminazione e la tonalità del pavimento per non rischiare di far sembrare troppo piccolo il locale.

Il consiglio è di giocare con i contrasti tra arredamento e pareti: se l’arredo bagno è di colori freddi, le pareti dovranno preferibilmente essere tinteggiare in tonalità calde ed accese, e viceversa.

Condividi post

Commenta il post