Mestiereimpresa.it

Profili led per cartongesso: tutte le caratteristiche

 

Per capire come ottenere una luce diretta in un taglio nel cartongesso si deve parlare di “Profili led”. Questi vengono chiamati anche “Strip led” e si tratta di strutture a forma di striscia che devono essere incastonate all’interno del cartongesso e dovranno contenere diversi led.

 

Oggi sono sempre più utilizzate perché permettono di ottenere un effetto sorprendente ed anche molto luminoso. A volte, dato che ne esistono vari tipi di profili per cartongesso , non è facile capire quale sia il profilo perfetto come illuminazione primaria.

 

Per info approfondire, ti consiglio di leggere il blog di arredamento di Peeter Gaiani, ne parla in diversi articoli.

 

Di solito, molto utilizzati sono quelli in alluminio. In ogni caso, qualsiasi tipologia si utilizzi, si otterrà un effetto scenografico molto vistoso.

 

Le caratteristiche principali di un profilo led infatti riguardano sia la possibilità di illuminare zone d’ombra risaltandole, sia il fatto di garantire un’illuminazione molto duratura nel tempo. Altro fattore positivo è il fatto che permettono anche un certo risparmio energetico rispetto all’uso delle lampadine tradizionali.

 

 

Profili led per cartongesso: le varie tipologie

 

Quando si parla di profili led si deve pensare prima di tutto a quale tipologia acquistare, in base al punto in cui dovranno essere montati.

 

Ad esempio ne esistono alcuni per sotto-pensile, per esterno, per gradini, per pavimenti, per controsoffitto.

 

Soprattutto in questo caso, prima di montarne uno, si deve pensare a tutte le varianti di luce ottenibili quando si realizza un taglio nel controsoffitto con strip led.

 

I materiali che compongono i profili led possono essere diversi, anche se quelli più utilizzati, come già accennato, sono in alluminio. Quelli invece per esterno sono montati su strutture presenti di solito su gradini oppure strutture montate in spazi aperti, come il giardino.

 

Particolari quelli per sotto-pensile, utilizzati soprattutto in cucina, per far risaltare alcuni mobili o parti del piano cottura che altrimenti non si vedrebbero bene. Questa soluzione permette di dare un tocco particolare a questo importante ambiente della casa, garantendo anche una visione più pulita dello spazio, ed anche moderna.

 

Tutti i profili led e le relative strisce led che vengono incastonate nelle loro strutture, servono, come già accennato, ad illuminare qualsiasi tipo di zona d’ombra.

 

Questo scopo vale per qualsiasi tipologia di profilo led che si utilizzerà. Sia quelli per sotto-pensile o per spazi interni, sia quelli per esterno, serviranno per donare di nuovo un tocco di luce nell’ambiente. Sebbene sembri solo un piccolo dettaglio aggiuntivo all’arredamento già esistente, in realtà la soluzione dei profili led è particolarmente intelligente ed anche pratica.

 

Profili led in alluminio: protezione ed eleganza

 

I profili led in alluminio sono considerati dagli esperti di arredamento di interni come la migliore soluzione sia per una perfetta illuminazione, sia per ottenere un effetto molto elegante.

 

Di solito sono in grado di ottenere diverse strisce led e anche per questo, il tipo di luce che possono offrire è davvero molto forte.

 

Molti profili led per sotto-pensili sono formati dall’alluminio, anche se non si esclude che questo materiale formi anche profili led per l’esterno. La caratteristica principale di questi profili è che grazie all’elemento principale di cui sono composti, sono molto resistenti.

 

Proprio per questo motivo, garantiscono un maggiore livello di protezione e sono anche molto più duraturi nel tempo, rispetto ad altri tipi. Oltre a questo, l’alluminio permette anche al calore di dissiparsi in modo corretto. Questo significa che il led eviterà di surriscaldarsi e durerà a lungo.

 

Altro fattore positivo riguarda la loro facilità di montaggio. Per capire quali profili in alluminio per strisce led scegliere, ci si deve basare sulle misure che occorrono e soprattutto sul tipo di superficie su cui dovranno essere montati.

 

 

Profili led per cartongesso: come si montano

 

I profili led per cartongesso possono essere un’ottima soluzione per l’illuminazione del soffitto oppure anche per pareti in cartongesso a cui si vuole dare risalto.

 

Si tratta di una struttura che viene sempre più utilizzata per dare valore allo spazio circostante e anche per creare un effetto molto elegante. Per capire come si monta la striscia led incassata nel cartongesso, servono poche semplici mosse.

 

Prima di procedere però con le fasi di montaggio, occorre sapere quali attrezzi servono. Tra questi vi sono murali in legno, colla vinilica, pannello in cartongesso, stucco, vernice, angolari in alluminio, strisce luci a led, trapano elettrico a viti, attrezzi da muratore.

 

La prima fase consiste nell’assemblare il cartongesso e per riuscirvi occorre creare una struttura di forma quadrata utilizzando i murali in legno. Questi di solito dovrebbero essere 4x4 cm e per fissarli in modo adeguato, servirà utilizzare la colla vinilica.

 

Questa struttura andrà bloccata sul soffitto grazie ad apposite viti. Una volta terminata questa parte, si deve procedere al vero e proprio assemblaggio del cartongesso. Questo significa che si devono unire tra loro i vari pezzi, fino a ottenere un effetto che si abbini al soffitto e che ne ricopra correttamente le parti desiderate.

 

La fase successiva riguarda l’applicazione degli angolari sul soffitto. Per poter iniziare questa fase, prima di tutto si deve tenere a mente che il pannello di cartongesso deve essere più largo della struttura formata nella prima fase, e avere circa 8 cm in più rispetto ad essa. Gli angolari devono essere sagomati utilizzando un seghetto apposito e l’effetto che si andrà ad ottenere sarà quello di una specie di cornice.

 

Lo step successivo consiste nel realizzare la stuccatura. Quest’ultima dovrà essere effettuata con una cazzuola ed inoltre dovranno essere utilizzate anche delle garze particolari che servono per essere inserite nelle giunture.

 

Anche queste garze dovranno poi essere ricoperte da stucco. Importante poi la fase della finitura, che serve per rendere la superficie in cartongesso più levigata. Altra procedura è quella della tinteggiatura.

 

La parte principale però consiste nell’aggiunta dei led, che andranno inseriti proprio negli angolari in alluminio. L’unica cosa a cui si deve prestare una particolare attenzione riguarda proprio il posizionamento delle luci.

 

Profilo led per cartongesso Flat: dove utilizzarlo

 

Molti si chiedono “dove posso utilizzare il profilo led per cartongesso Flat?” Oltre che sul soffitto e su qualsiasi tipo di superficie in cartongesso, lo si può utilizzare anche su pavimenti, mobili, piedistalli e cornici per illuminazione di nicchie.

 

Da sottolineare il fatto che se viene utilizzato su superfici in cartongesso, queste possono andare bene sia se sono orizzontali, sia se sono verticali.

 

 

Profili led per cartongesso contro profili led esterni

 

Si è parlato di profili led per cartongesso e anche di profili led per esterni. Confrontandoli, si possono notare differenze anche abbastanza notevoli.

 

Per quanto riguarda i primi, come si è visto il loro montaggio prevede varie fasi. Se si tratta di una parete abbastanza piccola, basterà anche montare la striscia a led sul profilo utilizzando del semplice nastro adesivo e inserire uno spazio poi per i cavi all’interno del cartongesso.

 

Di solito le pareti formate da questo materiale richiedono profili led a incasso, che sono considerati una soluzione molto moderna e di grande effetto, e sono diversi dai profili chiamati “piatti” o da quelli denominati “angolari”.

 

Quando si parla invece di “profili led da esterno” si indicano profili pensati per ambienti quali giardini, sentieri, portici. È bene sottolineare che le caratteristiche dei led situati all’interno di questi profili, saranno ben diverse da quelle dei led per cartongesso.

 

I primi infatti dovranno anche essere ben resistenti a diverse intemperie. In fondo, stando all’esterno, saranno soggetti alla pioggia oppure anche alla neve e alle basse temperature, o anche alla potenza dei raggi del Sole durante l’estate.

 

Per questo motivo, saranno molto resistenti, anche se questo non è l’unico fattore che li differenzia da quelli per cartongesso. I profili led per esterno sono più difficili da posizionare, ma non durante il montaggio: si intende parlare in questo caso in termini di arredamento e stile.

 

In poche parole, il giardino sarà soggetto a diverse zone d’ombra, e scegliere dove inserire i profili led non sarà facile. Occorre studiare attentamente dei punti strategici per illuminare sentieri, gradini, zone di entrata o di uscita, oppure angoli che non si vedrebbero.

 

Altro fattore che contraddistingue i faretti led da esterno è che di solito sono calpestabili. Questo è molto importante soprattutto perché così non si rischia di inciampare durante la notte.

 

Spesso quelli esterni vengono posizionati anche su corridoi per poter creare atmosfere molto suggestive.

 


 

- Se questa mini guida sui profili led per cartongesso ti è piaciuta, condividila pure con i tuoi amici.

Grazie! smiley

 

Condividi post

Commenta il post