Mestiereimpresa.it

Il soppalco in vetro

Una nuova tendenza, quasi una moda, sta prendendo piede nelle abitazioni: individuare la possibilità di ricavare nuovi spazi calpestabili, e realizzarli servendosi di nuovi materiali high-tech come il vetro stratificato ad esempio. Il vetro stratificato è un materiale innovativo che oltre ad essere stratificato, blindato, antisfondamento, è assolutamente adatto all’utilizzo nelle costruzioni moderne.

I materiali high-tech in questo periodo stanno facendo tendenza, per le loro linee pulite, chiare e nette, la loro trasparenza, tutte qualità che vengono apprezzate non solo per motivi tecnici ma anche perché ritenuti esteticamente pregevoli, moderni, quasi finissero per imprimere all’ambiente un marchio di pulizia e modernità. 

Il vetro stratificato è formato da più lastre incollate tra loro per mezzo di pellicole adesive realizzate con collanti potentissimi e del tutto affidabili, che in caso di rottura del vetro mantengono uniti i frammenti in modo che non si disperdano e non provochino danni a cose o a persone. Questo materiale può reggere un carico di Kg 400/mq, i prezzi ovviamente variano in funzione della resistenza che si desidera, e quindi della quantità e qualità dei materiali utilizzati.

Per realizzare un soppalco in vetro ovviamente i soli pannelli di vetro non sono sufficienti; i pannelli devono essere supportati da una struttura in legno o metallica, che fornisce un punto di appoggio all’intero contorno della superficie per un’ampiezza adeguata.

Esteticamente un soppalco con ancoraggio esclusivamente a parete è più elegante ed attraente ma, a meno che non si tratti di superfici ridotte, è più sicura una struttura con dei pilastri che trasmettano il carico sul pavimento sottostante.

E’ necessario predisporre una struttura portante, in legno o metallo (nota personale:  l’acciaio si sposa benissimo con il vetro) che consente di fissare una pavimentazione fatta di pannelli di vetro di dimensioni contenute, facendo in modo che gli stessi poggino sulla struttura per l’intero perimetro e per un’adeguata larghezza. Per intenderci, se lo spessore del vetro è di 4 cm, la parte che deve poggiare sulla struttura non deve essere inferiore a 6-7 centimetri per l'intero perimetro della lastra.

Anche se sono sempre più numerosi i seguaci del fai da te, per lo più orgogliosi dei risultati fin qui ottenuti, è bene ricordare che la realizzazione di un soppalco è un’operazione di una certa delicatezza che richiede la partecipazione di figure professionali per ragioni sia tecniche (calcoli strutturali ad esempio) che burocratiche (superare le difficoltà per l’ottenimento delle autorizzazioni necessarie).

Condividi post

Commenta il post