Mestiereimpresa.it

Come mettere un freno allo spreco d’acqua

È tempo di mettere un freno allo spreco d’acqua in casa nostra. Ognuno di noi utilizza circa 150 litri d’acqua al giorno, ed è un bel po’ d’acqua. In media il 25% circa della bolletta energetica di ogni famiglia è destinato a riscaldare acqua per il bagno, la doccia, cucina e lavanderia.

Ridurre l’utilizzo d’acqua avrà un effetto significativo non soltanto sulla bolletta dell’acqua, ma anche sulla bolletta energetica.

Molte persone non associano l’uso d’acqua in casa con la bolletta energetica. Se lo facessero starebbero molto più attente all’utilizzo dell’acqua in casa propria. Che siate ecologisti o meno ci sono un’infinità di motivi per salvaguardare il consumo d’acqua.

Decidere di fare una doccia anziché un bagno è una pratica comune per salvaguardare il consumo d’acqua, in alcune docce super moderne però in soli 5 minuti rischiereste di utilizzare più acqua di quella necessaria a riempire una vasca. La moda per cipolle della doccia di grandi dimensioni non è certo d’aiuto, anche qui la quantità d’acqua impiegata è molta. La potenza della vostra doccia dipende dalla pressione dell’acqua e il tipo di flessibile che avete.

Flessibili efficienti producono un flusso d’acqua che sembra potente, ma ne utilizzano meno. Risultano particolarmente utili quando usati insieme ad un miscelatore. Troviamo flessibili che miscelano l’acqua con l’aria (e questo riduce di molto la quantità d’acqua necessaria), ed altri modelli che semplicemente restringendo il getto d’acqua ne aumentano la pressione.

Fate questa semplice prova; posizionate una bacinella di due litri di capacità sul piatto della vostra doccia e aprite l’acqua. Se si riempie in 12 secondi o meno allora dovreste pensare a installare un flessibile più efficiente.

Secondo una ricerca i wc utilizzano in media il 30% dell’acqua di ogni casa. Rappresentano inoltre la più grande fonte di spreco di acqua dolce a causa di perdite. Molti dei nuovi modelli offrono un doppio sistema di scarico che permette di scegliere anche un’opzione più leggera. Considerando che utilizziamo lo scarico del wc circa 15 volte al giorno, scegliere un modello con doppio scarico può fare una grande differenza.

Allo stesso modo dobbiamo controllare i nostri lavandini, perché anche qui una impercettibile perdita può costare molto cara. Un rubinetto che perde può sprecare 5.500 litri di acqua in un anno, quindi assicuratevi che i rubinetti siano sempre chiusi e se necessario sostituite le guarnizioni.

 

A volte sono proprio le piccole cose che fanno una grande differenza e spesso non costano quasi nulla. Solamente chiudere il rubinetto quando ci laviamo i denti ci fa risparmiare 6 litri d’acqua al minuto. Se prendiamo coscienza di quanto effettivamente ci costa l’acqua che sprechiamo, è molto probabile che impareremo ad utilizzarla meglio e meno, e alla fine anche la bolletta ci darà ragione.

Condividi post

Commenta il post