Mestiereimpresa.it

Come gestire e organizzare al meglio il proprio trasloco

 

La guida ufficiale al trasloco perfetto

 

Tutti prima o poi durante il corso della nostra vita ci ritroviamo a dover traslocare; dalla casa dai genitori, verso una nuova città o addirittura un altro Paese.

 

Il trasloco assume lentamente la forma di un incubo, sono tanti gli aspetti a cui pensare, e la nostra mente viene bombardate continuamente di dubbi e domande. Iniziamo subito questa guida dicendovi che il trasloco non nasce come un incubo, bensì lo diventa se organizzato male e all’ultimo momento.

 

Molte persone infatti si limitano ad organizzare il trasferimento solo qualche giorno prima del tempo, nonostante ne siano al corrente già da settimane.

 

Questo perché non diamo all’operazione la giusta importanza, pensando di poter risolvere tutto in qualche ora. Su quest’ultimo punto dobbiamo comunicarvi che purtroppo non è possibile gestire un trasloco in completa autonomia, la cosa migliore da fare sarebbe affidarsi ad un’impresa specializzata nel settore.

 

Ogni regione d’Italia ne ha una, per esempio, in Toscana, nel lucchese, trovate Traslochi Triti, una perfetta soluzione per i vostri traslochi Lucca, operante da svariati anni in questo settore. Qualora così non fosse, dando una rapida occhiata in rete sicuramente riuscirete a trovare la soluzione perfetta per voi.

 

Lasciare posto ai professionisti, cosa significa?

 

Lasciare posto ai professionisti, una frase utilizzata costantemente nel mondo del lavoro, sopratutto nel settore edili. Nonostante possa sembrare un affermazione che contiene un tocco di vanità, rispecchia comunque la realtà dei fatti.

 

Dobbiamo essere abbastanza maturi da capire quando arriva il momento di lasciare posto a qualcuno specializzato in un determinato compito.

 

In un trasloco sono molte le piccole operazioni che possiamo portare a termine anche da soli, impacchettare, preparare gli scatoloni, sigillare gli effetti personali; tuttavia quando si tratta di procedere allo smontaggio di grandi armadi e mobili, arredi e decorazioni, è meglio chiedere l’aiuto e lasciar lavorare qualcuno che ne ha le competenze, come l’impresa di traslochi che abbiamo citato in precedenza per farvi un esempio.

 

Non si tratta di orgoglio o competizione tra il migliore, bensì di un atto di responsabilità verso se stessi e il valore dei propri beni.

 

Basta un attimo di distrazione per potersi ferire in maniera grave con un oggetto particolarmente pesante o tagliente; anche per questo tutti gli operai che vediamo al lavoro operano sul campo adottando particolari dispositivi di sicurezza individuale, forniti direttamente dal datore di lavoro.

 

Non affidarsi mai al caso

 

Lo facciamo tutti qualche volta, per pigrizia o distrazione, ci affidiamo al caso pensando che comunque le cose andranno secondo i nostri piani.

 

Perché chiamare adesso l’impresa traslochi quando ho tempo domani? Oppure, che senso avrebbe acquistare gli scatoloni con così tanto anticipo? E alla fine ci risvegliamo con l’amara sorpresa, sconvolti da come siano andati i fatti.

 

La vita è piena di imprevisti che possono presentarsi in qualsiasi momento, non è un vecchio detto cinese, bensì la verità. L’unico modo per proteggersi al meglio da imprevisti e situazioni scomode, è agire in anticipo; così facendo, qualora qualcosa dovesse andare storto, avremo tutto il tempo a disposizione per provvedere.

 

Tra le cose che non possono essere lasciate a caso durante l’organizzazione di un trasloco, al primo posto troviamo sicuramente le indicazioni per i traslocatori. Se avete esigenze urgenti in termine di tempo, o possedete oggetti particolarmente fragili di trasportare e tanto altro ancora, non perdete tempo!

 

Comunicatelo subito all’impresa e fate loro presente la situazione. Queste preziose informazioni aiuteranno la squadra ad organizzare il proprio lavoro ed a portarlo a termine con successo. D’altronde ricordatevi sempre che prevenire è meglio che curare!

 

Condividi post

Commenta il post