Mestiereimpresa.it

Come eliminare gli spifferi da una finestra

Con l’arrivo dell’inverno e del freddo, in casa come in ufficio, si potrebbero verificare delle sgradite sorprese, specialmente se una o più finestre lascia passare gli spifferi d’aria fredda, una situazione davvero fastidiosa, vediamo quali tecniche e che materiali occorrono per eliminare gli spifferi da una finestra e risolvere questo problema.

 


Innanzi tutto è bene ispezionare le imposte, che siano porte o finestre, controllare le cerniere e le chiusure del telaio, affinché l’utilizzo di strisce adesive para spifferi sia efficace; se le avete già sistemate da tempo fissatele meglio o sostituitele con delle nuove, ne esistono di diversi tipi e tutte fanno applicate sulla parte fissa del telaio delle porte e o finestre.

Prima del fissaggio è necessario provvedere ad asciugare e spolverare il telaio, infine va sgrassato, se possibile usate dell’acquaragia.

Togliete gli eventuali residui di vernice con una spatola e poi carteggiate il telaio con della carta vetrata a grana fine.

Per eliminare gli spifferi, riempite le irregolarità in corrispondenza delle fessure con dello stucco.


Di strisce adesive ne esistono diversi tipi: di gommapiuma o di neoprene, che sono quelle più economiche.

Se la vostra finestra è esposta al sole, ricordate che la gommapiuma ha una durata limitata, e quindi deve essere sostituita dopo qualche anno.

Prodotti più resistenti sono le strisce isolanti di plastica o di alluminio con bordo di materiale sintetico, quest’ultime durano più a lungo della gommapiuma.


Se avete in casa dei vecchi telai, molto irregolari, procedete in questo modo:

 

  • Sistemate un cordone di silicone elastico sul telaio e ricopritelo con della pellicola di plastica.
  • Chiudete le imposte della finestra e lasciate essiccare il silicone per almeno 24 ore.
  • Trascorso tale tempo, rimuovete la pellicola ed eliminate il silicone in eccesso.

 

Con questa soluzione sarete in grado di realizzare una guarnizione perfettamente sagomata e aderente.

Condividi post

Commenta il post