Mestiereimpresa.it

Blocchi cassero: caratteristiche e vantaggi

La costruzione di un edificio con l'uso di blocchi cassero

La costruzione di un edificio con l'uso di blocchi cassero

I blocchi cassero sono elementi generalmente realizzati in cemento armato che facilitano la costruzione di strutture. Negli ultimi tempi sono andati incontro a una certa evoluzione, dunque è bene rendere loro merito, descriverli e fare una panoramica generale su questo importante elemento.

 

Cosa sono i blocchi cassero e quando utilizzarli

 

I blocchi cassero sono elementi realizzati di norma in cemento armato. Si presentano come dei grossi mattoni caratterizzati da una parte interna completamente vuota. Vengono impilati a secco, ma come se fossero dei grandi mattoni. In questo modo, formano pareti e struttura.

 

Lo scopo dei blocchi cassero è sfruttare il meccanismo delle casseforme ma senza sottostare ai loro difetti. Come nelle casseforme, il blocco cassero viene riempito con il cemento armato. A differenza loro, però, non viene estratto, e forma quindi una presenza permanente all’interno della struttura.

 

I blocchi cassero vengono utilizzati soprattutto per tutte quelle strutture che renderebbero proibitivo o comunque difficile la rimozione delle casseforme. Per esempio, i muri controterra. In alternativa, vengono impiegati per i muri di cantinato o comunque posti a livelli inferiori, se non di sotterraneo.

 

Negli ultimi tempi il blocco cassero si è evoluto, dando il là a modelli spendibili anche per le strutture fuori terra, e di marca residenziale.

 

Le tipologie di blocchi cassero

 

Proprio questa evoluzione tecnologica ha differenziato il blocco cassero, in passato prodotto tutto sommato omogeneo. Il riferimento, tra gli altri è al blocco cassero con cappotto termico. Si tratta di un blocco cassero in cui alcune delle sue componenti sono rivestite con del materiale isolante, che può essere EPS preceduto da semplice legno rimineralizzato (per garantire solidità), piuttosto che la fibra di legno. In alcuni casi, si parla anche di blocco cassero in legno-cemento.

 

Tale assetto consente al blocco cassero di aumentare l’efficienza energetica dell’edificio, ovviamente in corso di costruzione, e rendere superflua l’installazione del più laborioso e costoso cappotto termico.

 

Non tutti i produttori di blocchi cassero mettono a disposizione entrambe le tipologie. Anzi, è piuttosto raro. Tre le aziende virtuose spicca Isobloc, punta di diamante di un segmento in crescita. I blocchi cassero prodotti da Isobloc sono realizzati in legno cemento e altri materiali isolanti, e assolvono tanto alle funzioni classiche dell’elemento quanto all’efficientamento energetico.

 

Quali sono i vantaggi del blocco cassero?

 

I vantaggi sono numerosi. Se parliamo di blocco cassero classico, ovvero realizzato in solo cemento, il più vistoso consiste nel poter “calare” il cemento proprio come se si utilizzasse una cassaforma, ma senza l’oggettivo fastidio di doverla rimuovere. Anche in virtù di una certa ordinarietà estetica, vengono impiegati solo nei casi in cui la rimozione della cassaforma è insostenibile.

 

Il vantaggio conseguente è anche la riduzione dei costi di trasporto. Il blocco cassero va ovviamente trasportato nel luogo di intervento, ma non va riportato indietro proprio perché “permane” nella struttura.

 

Per quanto concerne il blocco cassero con cappotto termico, i vantaggi vanno ben oltre e riguardano più che altro le questioni energetiche. Grazie al materiale isolante di cui sono addizionati, questi blocchi fungono da cappotto vero e proprio, riducendo grandemente la dispersione di calore. Il risultato è una spesa in bolletta minima, nonché l’assegnazione di una classe di efficienza energetica molto alta, spesso superiore alla C.

 

Un altro vantaggio riguarda l’estetica. Lo strato visibile non è fatto in cemento ma in materiale isolante. Questo, se ben trattato, può dire la sua anche sul piano visivo. Per questo motivo, i blocchi cassero vengono anche utilizzati per le parti fuori terra degli edifici residenziali. Ovviamente, il grado di piacevolezza estetica cambia da prodotto a prodotto, da brand a brand.

 

 

Condividi post

Commenta il post